Astenia, profilassi e rafforzamento della salute con la moxibustione

Nicolò Visalli*

Per astenia si intende la perdita della forza, accompagnata da debolezza fisica e/o psichica che può essere costituzionale o acquisita. Diverse sono le cause dell’astenia acquisita tra le quali: l’eccessivo lavoro fisico, lo stress indotto dal lavoro, una dieta non corretta, un’eccessiva attività sessuale, il post-partum, fino alla sindrome da stanchezza cronica che presenta molteplici aspetti.

In Medicina Tradizionale Cinese l’astenia è detta anche “esaurimento” e secondo la differenziazione delle sindromi è dovuta al deficit di qi di Polmone, Milza e Cuore, oppure a stasi di qi del Fegato o al fuoco del Fegato che sale verso l’alto, o ancora a vento del Fegato oppure a flegma e umidità. Il principio terapeutico consiste nel tonificare il qi di Polmone, Milza e Cuore, nel far circolare il qi e nel disperdere il vento, il flegma e l’umidità.

Si selezionano perciò i punti sui canali Taiyang del piede, Yangming del piede, Vaso Concezione e Vaso Governatore su cui praticare la moxa.

Zusanli (ST36) che regola, rafforza e tonifica la Milza, e il Polmone disperde i fattori patogeni, tonifica il qi e il sangue, il Rene e trasforma l’umidità; Guanyuan (CV4) che tonifica qi, il Rene e il sangue, scaccia i fattori patogeni dal Cuore; Mingmen (GV4) che tonifica il Rene, tonifica il qi, elimina l’umidità; Gaohuangshu (BL43) che tonifica il Rene, per il deficit di yang e l’eccesso di yin.

Inoltre si possono utilizzare Xinshu (BL15) e Shenshu (BL23).

Hegu (LI4), Quchi (LI11) e Dazhui (GV14) per stimolare il qi yang.

Nella pratica si utilizza la moxa con sigaro. Si selezionano 3-5 punti per seduta, e su ogni punto si applica la moxa per 5-10 minuti.

10 sedute costituiscono un ciclo e si lascia un intervallo di 7-10 giorni fra i cicli.

Per quanto riguarda la profilassi e il potenziamento della salute, la moxibustione, svolge un ruolo di primo piano nella cura delle diverse patologie e si rivela assai proficua come presidio terapeutico nella prevenzione delle malattie e nel sostenere la lunga vita. Già gli antichi testi cinesi rimarcavano il ruolo preventivo della moxibustione.

Nello Zhou Hou Bei Ji Fang (“Manuale delle Prescrizione per Emergenze”) si evidenza: “Per evitare le epidemie delle malattie contagiose, si devono conoscere le tecniche della moxibustione”.

Sun Simiao nel Bei Ji Qian Jin Yao Fang (“Prescrizione d’Oro per le Emergenze”) specifica che “a coloro che si recano nei regni Wu e Shu, zone in cui solitamente è possibile contrarre malattie epidemiche, bisogna applicare la moxibustione in 2 o 3 zone del corpo per prevenire le malattie contagiose ed evitare l’invasione di fattori patogeni esogeni”, ed è indicato anche il punto Gaohuangshu (BL43) “che serve per curare tutte le malattie (e) la moxibustione su questo punto facilita l’incremento del qi yang”.

Nel testo classico Bian Que Xin Shu (“Biografia di Bian Que”) ritroviamo: “Allorché si è in salute si dovrà applicare la moxibustione ai punti Guanyuan […]. Al compimento di 30 anni si dovrà, ogni 30 anni, applicare una cauterizzazione con 300 coni nel punto al di sotto dell’ombelico, a partire dai 50 anni sempre nello stesso punto si applicherà la moxibustione ogni 2 anni con 300 coni e infine dai 60 anni si applicheranno 300 coni ogni anno. In questo modo non si ci ammalerà”. E in aggiunta: “A partire dai 50 anni mi applico la cauterizzazione con 500 coni al punto Guanyuan e sento il corpo molto leggero, e un appetito migliore. All’età di 63 anni in seguito a ira e dispiaceri, il polso nella zona Cun del braccio sinistro presentava i caratteri di debolezza con 19 pulsazioni”.

Nello Yi Shuo (“Libro della Medicina”) si dice che “per restare tranquilli, sereni, non si devono lasciare ‹seccare› i punti Dantian e Zusanli”.

Nello Yixue Rumen (“Premessa sulla Medicina”) è riportata l’importanza di praticare la cauterizzazione in ogni stagione dell’anno, per rinforzare il qi e poter vivere senza ammalarsi.

Numerosi sono i lavori scientifici che hanno convalidato l’azione preventiva della moxibustione, rivelando una specifica azione di stimolo del sistema immunitario. Inoltre l’esame degli effetti dell’applicazione della moxibustione sui punti Shenque e Zusanli ha dimostrato che il fattore di crescita epiteliale stimola lo sviluppo e la moltiplicazione delle cellule, a tal punto che il trattamento con la moxibustione si rivela benefico al metabolismo corporeo e nel ritardare la senescenza.

Esistono diverse metodiche di trattamento per raggiungere questo scopo di seguito elencate.

 

Moxibustione indiretta con zenzero

Disporre una fettina di zenzero dello spessore di 0.2-0.4 cm sull’ombelico e applicare i coni. Impiegare 3-5 coni ogni volta ed effettuare 10 sedute a giorni alterni mensilmente.

 

Moxibustione indiretta con sale

Riempire con il sale l’ombelico e disporre sopra i coni, impiegare lo stesso metodo usato per lo zenzero.

 

Moxibustione moderata con sigaro

Posizionare il sigaro acceso a una distanza di 3 cm dalla zona interessata per 10-15 minuti, fino ad ottenere una sensazione di calore intenso o che la cute non si arrossi. La frequenza è di 10 giorni al mese a giorni alterni.

 

Moxibustione diretta con cicatrice

Mettere 3-5 coni piccoli o medio-piccoli sul punto, sostituendoli una volta consumati, fino al formarsi di una papula che poi diverrà una pustola. Ricoprire successivamente con una garza sterile e fissarla con del cerotto per evitare infezioni (questo metodo è oramai caduto in disuso per via delle cicatrici).

 

Moxibustione senza cicatrice

Applicare per 3-5 coni piccoli per volta e sostituirli non appena si avverte calore.

 

Moxibustione sul punto Dazhui (Du14)

Questo punto è chiamato anche Bailao, è il punto di incrocio dei tre canali yang della mano e del piede (Intestino Crasso Yangming della mano, Intestino Tenue Taiyang della mano, Triplo Riscaldatore Shaoyang della mano, Vescica Taiyang del piede, Vescica Biliare Shaoyang del piede, Stomaco Yangming del piede) e del canale Vaso Governatore. Dazhui governa e dirige tutti canali yang ed è conosciuto come il ‹Mare dei canali yang›. Allevia i sintomi esterni, sblocca l’ostruzione nella circolazione dell’energia vitale e rafforza la funzione vitale, elimina il vento, disperde il freddo, schiarisce il cervello e calma la mente. Si utilizza la moxibustione moderata con sigaro. È un altro punto estremamente importante per rinvigorire la salute.

 

Moxibustione sul punto Fengmen (BL12)

Chiamato anche Refu, è il punto di incrocio del canale Vaso Governatore e del canale della Vescica Taiyang del piede. Tratta principalmente le malattie da vento. Migliora la ventilazione e calma il Polmone, mette in comunicazione i collaterali, espelle il vento e regola il qi. È un punto estremamente efficace per la prevenzione delle malattie da raffreddamento e nell’apoplessia causata da ipertensione. Si utilizza la moxibustione moderata con sigaro per prevenire l’apoplessia. Nella prevenzione dell’influenza e del raffreddore questo punto si utilizza con lo zenzero, applicando 10-20 coni della grandezza di un seme di soia, in sedute giornaliere.