Da “La globalizzazione delle religioni e la fede dei cristiani”: religioni universali e altre religioni, la religiosità preconfuciana

image_pdfimage_print

Paolo Bascioni*

Religioni universali ed altre religioni

Dopo l’esposizione dell’Induismo e del Buddismo che sono propri della storia e delle molteplici culture dell’India, cercheremo di esplorare il mondo religioso cinese sforzandoci di penetrare in una civiltà ed anche in una dimensione religiosa

Ho il piacere di presentare a partire da questo numero di Olos e Logos alcuni contributi sulle religioni praticate in Cina ed Estremo Oriente che Paolo Bascioni, autore del volume “La globalizzazione delle religioni e la fede dei cristani” ci ha gentilmente concesso di pubblicare nella nostra rivista. La conoscenza della cultura e della spiritualità del mondo estremo orientale è la conditio sine qua non per una corretta comprensione delle radici su cui si innesta il sapere medico cinese

Lucio Sotte*

del tutto particolare. Per questo è opportuno, prima di addentrarci in essa, fare una precisazione o chiarificazione almeno su un aspetto del modo come vengono classificate le religioni. Nel trattare fino a questo momento, prima dell’Islam, poi

dell’Induismo e da ultimo del Buddismo, ci siamo interessati di Religioni Universali. Queste appunto, insieme all’Ebraismo e al Cristianesimo, sono qualificate come “Religioni Universali”. Le religioni cinesi non sono religioni universali; dovranno forse essere identificate come religioni nazionali, o più probabilmente “Religioni etniche”. Vi sono poi religioni che si classificano con identificazioni diverse, come ad esempio, “Religioni cosmopolite”. Vi sono perfino comportamenti religiosi per i quali non si usa neppure il termine “Religione”, ma piuttosto quello di “Culto” variamente specificato, cosicché si parla di “Culti misterici”, “Culti feticisti”, “Culti Animisti” ed altri. Infine per altre pratiche religiose o pseudoreligiose si adotta l’espressione “Religioni secondarie” o “Religioni impropriamente dette”; è questo ultimo il caso dello Sciamanesimo e dello Scintoismo. Di tutte queste identificazioni vediamo di richiamare brevemente almeno il concetto di “Religione universale” indicando anche perché esso si addice alle religioni fin qui trattate e non a quelle cinesi.

Una religione definita universale non significa che sia diffusa in tutto il mondo; la qualifica di universalità non è in rapporto alla estensione geografica e neppure al numero dei suoi seguaci. È qualcosa di più essenziale; è un attributo che riguarda il suo modo di essere, la sua intima natura, l’autocomprensione che ha di se stessa e del suo rapporto con Dio o con il trascendente e con l’uomo in quanto tale, e di conseguenza con l’intera umanità di ogni tempo e di ogni luogo. Una religione è dunque universale quando ha coscienza di dare risposte e offrire indicazioni, nell’ordine religioso, che servono all’uomo in quanto uomo e che rispondono alle sue aspirazioni più autentiche ed al fine ultimo che esige la sua natura; per tale ragione si sente in qualche senso responsabile dinanzi a tutti gli uomini.

!La qualifica di universalità si addice in questo senso innanzitutto alle cosidette religioni del ceppo abramitico; Ebraismo, Cristianesimo ed Islam.

!L’Ebraismo è in primo luogo fondato sulla vocazione che Dio rivolge ad Israele e sul patto che stabilisce con esso; una vocazione ed alleanza che non sono ad esclusivo vantaggio di Israele, ma servono a Dio perché Egli possa regnare su tutti gli uomini. L’intervento di Dio su Israele ha dunque una destinazione universale. Del resto Dio che chiama Abramo e sancisce per mezzo di Mosè l’Alleanza con l’intero Israele non ha dimenticato gli altri popoli che sono a lui legati attraverso il patto sancito con Noè dopo il diluvio. Inoltre l’Ebraismo ha, non solo l’idea, ma la certezza della creazione del mondo da parte di Dio, con particolare riflessione sulla creazione dell’uomo che è costituito ad immagine di Dio. Basterebbe questo per affermare che il Dio d’Israele è Dio di tutti gli uomini e tutti gli uomini sono suoi.

!!L’Islam ha come sua dottrina fondamentale e costitutiva la persuasione che Dio ha rivolto per mezzo di Muhammad e quindi del popolo al quale egli appartiene, il popolo arabo, la sua parola ultima e definitiva, il Corano, a tutta l’umanità. Il Corano deve pertanto diventare la norma che guida la vita dell’intero genere umano. Fin dall’origine fu di conseguenza presente nella coscienza di Muhammad e dei suoi primi successori, la persuasione che l’Islam doveva essere portato, e si può anche dire imposto, al mondo intero.

Il Cristianesimo, che pure nella sua essenza di maggiore originalità non è riducibile a religione, riveste una destinazione universale in tutti gli

aspetti che lo costituiscono. Per esso vale tutto ciò che è detto dell’Ebraismo, ma vanno aggiunti almeno due elementi di assoluta novità e originalità: i misteri dell’Incarnazione e della Redenzione. Il primo afferma il congiungimento di Dio, nella persona di Gesù Cristo, con la natura umana; il secondo garantisce che ogni persona è costituita nella condizione, almeno potenziale, di essere salvata. Non si dà religione che si presenti così essenzialmente aderente alla condizione umana, come il Cristianesimo.

!L’universalismo però non è caratteristica solo delle religioni abramitiche, ma sotto aspetti diversi e connotazioni proprie differenti, anche delle grandi religioni dell’Oriente e specificamente dell’Induismo e del Buddismo. L’Induismo, lo abbiamo visto, si costituisce come tentativo di approfondire e di chiarire il rapporto che lega l’uomo, Athman, all’Assoluto, Brhama, con l’intento di scoprire e quindi di indicare attraverso quali “vie” l’Athman può ricongiungersi al Brhama, l’uomo può raggiungere l’Assoluto; in questo infatti consiste la salvezza, una volta superato il ciclo delle rinascite. L’Induismo è quindi sì specifico della religiosità e della civiltà dell’India, però si pone secondo una dimensione sovraspaziale, cioè secondo una prospettiva universalmente umana.

Da ultimo il Buddismo, sorto come volontà di risolvere il problema del dolore sia indagandone le cause che lo generano, sia prospettando il modo per superarlo, ha per confine gli stessi confini del dolore e cioè nessun confine.

Non si può fare il ragionamento fin qui proposto, per le religioni cinesi; sorte in un contesto geografico e in un ambiente culturale di civiltà bene identificabili, esse sembrano non essere interessate a ciò che avviene altrove seppure, almeno nelle loro forme originarie, sono consapevoli che esista o possa esistere un altrove. Con probabilità vanno identificate come religioni nazionali o etniche. Al massimo, almeno in una certa fase del loro sviluppo, nel Confucianesimo e nel Taoismo, si potrà parlare di cosmopolitismo e dunque religioni cosmopolite; ma non sembra si possa! neppure a questi attribuire la qualifica della universalità.!!

!

La religiosità preconfuciana

!Quando si parla di “Religione” nel contesto della storia, della cultura e della civiltà del popolo cinese bisogna essere molto cauti. Nella vita del popolo cinese non esiste una dimensione religiosa come si può osservare nello sviluppo delle civiltà fiorite intorno al mediterraneo, o in quelle dell’Oriente indiano o anche dell’America centrale. Al riguardo è significativo anche il fatto che nella lingua cinese non esiste una parola specifica per designare la religione; si adopera il vocabolo “Chiao”; esso serve però ad indicare “dottrina”, “cultura”, “sapienza”, nel senso di modo di vivere, e dunque verrebbe a comprendere anche la dimensione religiosa genericamente intesa.!Se si considera la storia della Cina degli ultimi due millenni e mezzo si può dire che in essa sono state presenti tre religioni: il Confucianesimo, il Taoismo e il Buddismo. Quest’ultimo, proveniente dall’India, si è diffuso e si è consolidato in Cina nella forma del Mahajana o Grande Veicolo, a partire dall’inizio dell’era cristiana; amalgamatosi con alcuni elementi del Confucianesimo e del Taoismo, ha esercitato per secoli, o meglio per più di un millennio, una grande influenza. La sua origine però non è cinese. Originari e tipicamente espressioni della mentalità cinese sono invece il Confucianesimo e il Taoismo. Essi hanno origine a partire dal VI secolo avanti Cristo.

Confucio, secondo l’opinione maggiormente accreditata, sarebbe nato nel 551 e morto nel 479 a.C.

Sul fondatore del Taoismo, Lao-Tse, il problema dei riferimenti cronologici è più complesso; alcuni lo pongono nel VI secolo a.C., contemporaneo o di poco anteriore a Confucio, altri ne spostano invece la vita e l’attività al IV secolo o addirittura tra il III e il II secolo a.C. Quello che è però importante tenere presente, più delle questioni cronologiche della vita di Lao-Tse rispetto a Confucio, è che le dottrine e le conseguenti forme di vita che da essi prendono nome ed origine, non sorgono in un ambiente culturale e religioso, per così dire, vuoto, ma in un contesto ben determinato, sia dal punto di vista religioso che culturale e politico; trattandosi della Cina non va dimenticato che non esiste una dimensione religiosa che non sia anche concretezza di vita a tutti i livelli, individuale, familiare, tribale, regionale e imperiale. Esiste dunque una “religiositas” cinese preconfuciana e pretaoista alla quale sia Confucio che Lao-Tse si rifanno. È indispensabile cercare di conoscere e rendersi conto in cosa essa consiste, qual’è la sua peculiarità e quali sono le sue componenti essenziali, per poter comprendere gli stessi Confucianesimo e Taoismo.

Bisogna prendere le mosse presso a poco dal 3600-3500 a.C.

Questa religione cinese antica aveva il suo fondamento nell’osservazione dei ritmi della natura e nello sforzo di stabilire una corrispondenza tra la vita umana e la vita della stessa natura concepita in modo animistico: non il dominio della natura l’uomo deve perseguire, ma l’armonia con essa. I fenomeni naturali dunque, come la pioggia, il vento, il tuono, il germogliare e crescere della vegetazione, specie del miglio, fondamentale nella alimentazione, erano oggetto di venerazione.

Accanto alla venerazione della natura ed alla ricerca della conformità con essa, questa religiosità arcaica cinese pone un altro elemento essenziale: il mondo degli spiriti e delle divinità concepite in maniera gerarchica. Ci sono innanzittutto i cinque spiriti della vita domestica: della porta esterna, della porta interna, del pozzo, del focolare e del cortile interno. Ma le divinità più importanti sono quelle della Terra madre e, sopra tutte, quella del Cielo, perché il Cielo è divinità, la divinità massima; concepito come buono, presente dovunque, tutto vede e tutto conosce. La sua raffigurazione non ha forma animale, è importante notarlo, ma umana; questo con probabilià potrebbe voler dire che esso è inteso anche in maniera personale.

Il culto degli antenati costituisce la terza componente fondamentale della vita cinese più antica. L’uomo, oltre il corpo, ha due anime che al momento della morte si separano, e dal corpo e tra di loro, per cui, una rimane sulla terra insieme al

cadavere, l’altra ascende verso il cielo. Tutte due però in questa condizione di esistenza spirituale, continuano a vivere come vivevano prima della morte del corpo. L’anima che resta sulla terra ha bisogno di tutto quello di cui si serviva quando era vivo il corpo: cibo, vestiti, cavalli, armi, moglie, figli e altro ancora. Nella Cina più antica quando moriva un personaggio importante, un signore feudale e ancor più un imperatore, si sacrificavano uccidendoli realmente, la moglie, i servi, i cavalli ecc. perché essi dovevano servire all’anima terrena (p’oh) del defunto. Più tardi questi sacrifici avvenivano solo in modo simbolico; si immolavano simbolicamente immagini o riproduzioni statuarie delle persone che avevano servito il defunto. Le anime degli antenati, sia quella che resta sulla terra (p’oh), sia quella che sale verso il Cielo (hun),! proteggono i propri discendenti a condizione che questi offrano ad esse i propri sacrifici, dei quali hanno bisogno. La protezione degli antenati assicura vita lunga, prosperità, pace e vittoria contro i nemici.

Tre sono dunque le componenti della vita e della religiosità cinese: la natura, gli spiriti fino alla divinità suprema che è il Cielo e gli antenati. Queste componenti non sono indipendenti l’una dall’altra, ma formano, insieme con l’uomo che vive sulla terra, una unità indivisibile ed omogenea: la forza che realizza tale unità è il “Tao”; esso tiene insieme il Cielo, la Terra e l’uomo. Il Tao può essere concepito come la “Legge eterna”, come il “Principio ordinatore” di cui è garante lo stesso Cielo. La pratica e concreta attuazione della Legge regolatrice del tutto si realizza obbedendo a due principi; uno positivo, uno negativo; uno attivo, uno passivo; uno maschile, uno femminile. Si chiamano: lo “Yang”, principio attivo e positivo; e lo “Yin”, principio passivo e negativo; negativo non vuol dire cattivo o dannoso, ma significa che riceve l’azione dall’altro e ricevendola, insieme producono l’effetto. Pertanto questi due principi, pur essendo opposti, sono anche complementari; l’uno richiama l’altro e non può stare senza l’altro; si completano reciprocamente. Tutto quello che esiste risulta dalla unione di questi due principi-forza, dalle cose più minuscole del microcosmo a quelle più appariscenti del macrocosmo; anche il Cielo e la Terra sono reciprocamente Yang e Yin. L’armonico rapporto di questi principi garantisce il buon funzionamento del Cielo, della Terra e della vita umana; il loro squilibrio o predominio dell’uno sull’altro, genera disordine e rovina: tempeste, alluvioni, siccità, malattie e morte. Ogni cosa ed ogni persona è rispetto all’altra cosa o persona, Yang o Yin; così, ad esempio, l’uomo è Yang rispetto alla donna che è Yin, la luce del sole è Yang rispetto a quella della luna che è Yin, il giorno è Yang rispetto alla notte che è Yin, e così via. Si può essere anche in una condizione di ambivalenza, essere contemporaneamente Yang e Yin; così, per fare qualche esempio, il signore feudale è Yin rispetto all’imperatore, ma è Yang per gli abitanti del suo territorio; la donna è Yin rispetto al marito, ma è Yang rispetto alla figlia; il figlio è Yin rispetto al padre, ma è Yang rispetto alla sorella o alla moglie.

Esiste dunque un ordine armonico e nello stesso tempo ferreo che regge l’esistenza cosmica e che lega insieme la Terra, il Cielo, gli spiriti, gli antenati e la vita umana. Questo ordine va riconosciuto, rispettato e riprodotto dagli uomini nell’organizzare la loro vita sulla terra. Nasce così la società cinese nella forma dell’impero gerarchicamente strutturato, sulla base del presupposto che vi deve essere una fedele corrispondenza tra la struttura del cosmo e la organizzazione della vita umana sulla terra.

Prima del duemila a.C. esisteva in Cina una frammentazione politica del territorio che conosceva una specie di sistema feudale nel quale il signore esercitava funzioni sacerdotali di intermediario tra il popolo e gli dei. Fin dal più remoto periodo Chou, che va dal 1122 al 600 a.C., si costituisce uno stato unitario di carattere feudale. L’imperatore diventa il legame che unisce il Cielo al popolo; anzi, egli è il figlio del Cielo e garantisce l’ordine sulla terra come esiste l’ordine del cosmo di cui l’organizzazione imperiale deve riprodurre il modello. I cinesi pensavano che la Cina fosse il centro della terra, ritenevano addirittura che il mondo intero si riducesse alla Cina; infatti erano persuasi che ai margini della Cina ed intorno ad essa esistessero solo pochi territori e popolazioni minuscole di nessuna importanza. Questa concezione si spiega forse con il fatto che i cinesi sono vissuti per millenni isolati e separati dal resto del mondo da frontiere naturali. Comunque ritenevano che l’imperatore era il sovrano del mondo intero, il rappresentante del Cielo sulla Terra; tutti quindi dovevano accettare la sua sovranità perché sottomettendosi a lui gli uomini riconoscono l’autorità del Cielo. Secondo questa impostazione il potere deriva dal Cielo all’imperatore e dall’imperatore ai suoi rappresentanti in tutte le regioni dell’impero, che lo esercitano in suo nome. L’imperatore offre i sacrifici al Cielo e alla Terra madre secondo un rituale prestabilito molto minuzioso. Si tratta di un culto ufficiale che è reso dal sovrano a vantaggio di tutto l’impero, e dai suoi rappresentanti o funzionari nelle diverse regioni o provincie a vantaggio degli abitanti dei territori ad essi affidati e da essi governati. In questo modo, e cioè essendo sottomessi all’imperatore, vivendo inseriti nell’ordine politico e sociale da lui stabilito, con i sacrifici che egli e i suoi rappresentanti offrono e conducendo tutti, imperatore e sudditi, una vita virtuosa, si ottiene la felicità, che riguarda essenzialmente l’esistenza terrena e consiste sostanzialmente nella longevità, nella ricchezza, nella salute ed in una morte serena.

Questa impostazione, chiaramente stabilita e codificata già ai tempi della dinastia Chou! (1122-600 a.C.) è restata in vigore fino al termine del sistema imperiale cinese con la caduta dell’ultima dinastia, quella dei Manciù, nel 1912. Quando questo sistema di organizzazione dello Stato si troverà ad affrontare una profonda e pericolosa crisi di disgregazione, tra il VI e il V secolo a.C., sorgerà la figura di Confucio che si propone con il suo insegnamento di consolidarlo e di rinnovarlo richiamandosi all’antica saggezza.

prima parte – continua nel prossimo numero

Comments are closed.