La Pubalgia in Medicina Tradizionale Cinese

image_pdfimage_print

Dott. Roberto Favalli, Brescia (UMAB-Unione Medici Agopuntori Bresciani)

 La pubalgia è una condizione patologica che si sta presentando con una frequenza sempre maggiore nello studio del medico agopuntore. Questo dato può essere riferito, almeno parzialmente, alla tendenza, soprattutto da parte dei giovani, ad intraprendere programmi di attività ginnico-motorie. L’attività fisica condotta secondo schemi non adeguati o da persone non correttamente allenate può determinare la comparsa di fenomeni di sovraccarico funzionale di interi settori articolari, muscolari e tendinei. Anche l’utilizzo di calzature non idonee o l’impiego di plantari correttivi non perfetti possono, in soggetti predisposti, determinare la comparsa di dolore inguinale per cui è buona norma ricercare sempre questi dati nei pazienti che riferiscono pubalgia.

Un discorso a parte merita, ovviamente, la pubalgia dello sportivo, dove la preparazione atletica è certamente adeguata, ma sono l’intensità e la frequenza delle prestazioni a giocare un ruolo di primo piano.

L’agopuntura trova indicazione nel trattamento di questa problematica, con un’alta percentuale di risultati positivi.

Con questa pubblicazione si vogliono dare indicazioni semplici e pratiche al medico agopuntore che voglia cimentarsi nel trattamento di questi pazienti.

Prima dell’inquadramento secondo i criteri della Medicina Tradizionale Cinese, è opportuno un breve richiamo di alcune nozioni di osteo-artro-miologia e di medicina dello sport.

1. Pubalgia o sindrome retto-pubo-adduttoria1

E’ una sindrome caratterizzata da dolore in ambito pelvico associato a limitazione funzionale, dovuta a fenomeni flogistici e degenerativi a livello addomino-pubo-adduttorio associata a lesioni muscolo-aponeurotiche e osteoarticolari della sinfisi e teno-periostee di varia entità dei diversi muscoli che si inseriscono sulla sinfisi. E’ un quadro piuttosto frequente, soprattutto negli sportivi.

Vari fattori sono da considerare predisponenti:

1. la dismetria degli arti inferiori

2. l’anteversione del pube e lo spostamento frontale del bacino

3. alterazioni morfologiche e strutturali del rachide lombo-sacrale

4. fattori estrinseci come eccessivo esercizio fisico incongruo o, per la pratica sportiva, errori di allenamento e i terreni di gioco molto duri o bagnati.

Tra i diversi quadri sintomatologici, l’addomino-pubo-adduttorio è il più frequente ed è caratterizzato da dolore in sede pubica associato a dolore sul muscolo adduttore lungo e retto addominale.

Nella forma acuta il dolore è acuto a partenza inguinale con irradiazione alla regione adduttoria, al testicolo, al perineo o in sede addominale; nelle forme subdole il dolore è di tipo contusivo, sordo e diventa continuo in occasione di movimenti o esercizio.

Il trattamento classico proposto nella fase acuta prevede:

1. riposo con applicazione di laser su focolai algogeni e ipertermia ove vi è sede di contrattura o evidenza di esiti di lesione muscolo-tendinea;

2. stretching per i muscoli lombari, ileopsoas, ischio-peroneo-tibiali e adduttori in associazione a crioterapia;

3. distensioni in allungamento in acqua a 37 gradi e nuoto a stile dorso.

Una volta passato lo stato di acuzie il soggetto dovrebbe essere inserito in un protocollo di recupero con un programma di riabilitazione selettiva muscolare tendente ad incrementare dapprima la flessibilità dei muscoli evidenziatisi ridotti e contratti.

E’ raro il ricorso a terapia chirurgica tesa alla rimozione del momento causale la pubalgia, ad esempio ernia inguinale profonda.1

Inquadramento secondo la Medicina Tradizionale Cinese

La pubalgia, in quanto sindrome dolorosa, rientra a tutti gli effetti nell’ambito delle sindromi ostruttivo-dolorose o sindromi Bi.

Il termine Bi designa una sindrome causata da ostruzione di Energia-Qi e Sangue-Xue in meridiani e collaterali dovuta a penetrazione di fattori esogeni quali il Vento, il Freddo e l’Umidità con sintomatologia caratterizzata da dolore, flogosi, intorpidimento e pesantezza a carico degli arti, limitazione funzionale delle articolazioni e dei movimenti.

Tali disturbi spesso si accentuano o ricompaiono in relazione a mutamenti climatici; nei casi più severi sono costanti e caratterizzati non solo da frequenti riacutizzazioni ma anche da una importante componente algica articolare associata a tumefazioni, limitazione funzionale di rilievo, deformità.

Le sindromi BI si identificano in gran parte con le artralgie ed i reumatismi della medicina occidentale: si preferisce comunque mantenere il termine tradizionale BI, più ampio e specifico.

A lungo andare il Vento, il Freddo e l’Umidità, permanendo nell’organismo, possono trasformarsi in Calore. Lo stesso tipo di trasformazione si verifica allorquando tali fattori patogeni interessano soggetti in cui vi è già presenza di eccesso di Yang Qi e Calore; in tali casi il Calore subisce un ulteriore incremento. Gli esempi classici sono l’attacco acuto gottoso nel paziente iperuricemico o la riacutizzazione artralgica con le caratteristiche tipiche dell’infiammazione (dolore, rossore, calore, gonfiore, limitazione funzionale), nei pazienti affetti da artrite reumatoide.

La comparsa di una sindrome Bi dipende innanzitutto dalla penetrazione nell’organismo di un’energia patogena esterna, ma non va sottovalutato lo stato energetico della persona. Il superamento delle difese sarà legata sia ad una particolare intensità dei fattori patogeni che alla eventuale flessione energetica dell’organismo (deficit di Yang Qi, di Energia difensiva Wei Qi o di Energia corretta Zheng Qi). 2

Oltre ai fattori climatici, altri fattori eziopatogenetici possono determinare una sindrome BI, quali le attività sportive e professionali, i traumi e le tensioni emotive.

In questa sede si analizzerà solamente il ruolo della componente motoria. Sollecitare in modo estremo o ripetitivo un complesso articolare induce inizialmente la stasi del Qi e del Sangue nella zona interessata, seguita, a distanza di tempo variabile, da un deficit di Qi e Sangue.

Si realizza così il fenomeno definito come “overstress” o sovraccarico, che giustifica molte patologie professionali come la tenosinovite sclerosante di De Quervain, la sindrome del tunnel carpale, l’epicondilite, le sindromi dolorose della spalla. Lo stesso fenomeno si può correlare all’attività sportiva incongrua e può determinare le più varie patologie “infiammatorie”. Il settore coinvolto, trovando alterato il suo equilibrio energetico, manifesta una accresciuta sensibilità ai fattori patogeni esterni. La conseguenza è un dolore legato inizialmente alla attività motoria in sé, seguito poi da frequenti riacutizzazioni, in quanto la zona indebolita diviene sede di facile aggressione da parte delle energie cosmopatogene. 3, 4

Terapia in agopuntura

I sintomi sono interpretabili come un’ostacolata circolazione di Qi-Energia e Xue-Sangue.

in considerazione del loro decorso, i canali più coinvolti in questo processo patologico sono i meridiani Principali di Milza (Zu Tai Yin) e Fegato (Zu Jue Yin) e il meridiano curioso Chong Mai

Il principio terapeutico è di disostruire i meridiani e favorire la circolazione di Qi e di Sangue, armonizzare la salita e la discesa del Qi e del Sangue, rilassare i muscoli ed i tendini, ridurre il dolore.

Nel trattamento delle sindromi Bi la scelta degli agopunti prevede la loro combinazione secondo la suddivisione in tre gruppi: punti locali, punti regionali e punti a distanza.

1. Punti locali: innanzi tutto bisogna ricercare e utilizzare i punti dolenti Ashi, perché “ovunque si avverte un dolore alla pressione, c’è un punto.” (Sun Si Miao, 581-682 d.C.).

I punti locali “classici” più importanti per il trattamento della pubalgia e delle inguino-cruralgie sono:

ST30-Qichong, ST31-Biguan, SP12-Chongmen, LR10-Zuwuli, LR11-Yinlian, LR12-Jimai. Su questi punti è consigliata l’elettrostimolazione, utilizzando per 20 minuti una stimolazione a frequenza medio-bassa (40-60 Hz). L’impiego della moxa è limitato a quei pazienti in cui la componente di Vento-Freddo è predominante e che riferiscono miglioramento soggettivo con l’applicazione di calore locale.

2. Punti regionali: GB30-Huantiao, SP10-Xuehai, SP11-Jimen

3. Punti a distanza: è consigliabile selezionare ed abbinare questi punti secondo la logica della combinazione dei “cinque punti Shu Antichi, Wu Shu Xue” e dei “punti Chiave” di apertura dei meridiani Curiosi o Straordinari abbinati.

3.a: SP9-Yinlingquan, LR8-Ququan, KI10-Yingu, tutti punti He dei rispettivi meridiani, indicati per trattare le sindromi Bi quando l’energia patogena si è approfondita in ossa, muscoli e articolazioni.

3.b: SP3-Taibai, LR3-Taichong, KI3-Taixi, punti Shu dei rispettivi meridiani, che hanno la capacità di bloccare la progressione delle energie cosmopatogene e di mobilizzare dell’Energia difensiva Wei Qi. Queste caratteristiche spiegano perchè i punti Shu risultino molto efficaci nel trattamento delle sindromi ostruttivo-dolorose e, quindi, vengano citati costantemente nelle indicazioni terapeutiche classiche.

I punti Shu possono essere utilizzati da soli, oppure in associazione con i punti Jing prossimali. Nel caso della pubalgia, i punti Jing prossimali da utilizzare sono: SP5-Shanqiu (gonalgia mediale, cruralgia e pubalgia), LR4-Zhongfeng (gonalgia mediale, cruralgia, pubalgia, lombalgia e dorsalgia), KI7-Fuliu (gonalgia mediale, cruralgia, pubalgia, lombalgia e dorsalgia). La combinazione tra i punti Shu e i punti Jing prossimali è raccomandata soprattutto nelle patologie sub-acute o croniche.

I punti Shu possono essere abbinati anche ai punti Luo. Nel caso della pubalgia, questo suggerimento vale specialmente per il meridiano del Fegato. Si utilizzano LR3-Taichong e LR5-Ligou, in considerazione del tragitto del meridiano Luo Longitudinale del Fegato. Questa combinazione è particolarmente efficace quando il dolore è irradiato ai genitali esterni.

3.c: SP4-Gongsun e PC6-Neiguan, punti Chiave, di apertura, della coppia di meridiani Curiosi Chong mai e Yin wei mai. Il punto SP4-Gongsun è anche il punto Luo del meridiano di Milza.

 

Un altro importante punto di comando a distanza è il SP6-Sanyinjiao, in quanto nutre il Sangue e ne tratta le stasi, armonizza Qi, disperde il Vento e disostruisce i meridiani svolgendo un ruolo antalgico.

Per muovere il Qi e il Sangue in generale, si può utilizzare, in alto, il punto LI4-Hegu.

 

Il trattamento richiede due, tre o più sedute di agopuntura la settimana, in considerazione dell’intensità e dell’epoca di comparsa della sintomatologia. In genere, più il dolore è intenso e recente, più le sedute devono essere ravvicinate. Generalmente un ciclo di dieci sedute determina un soddisfacente miglioramento del quadro clinico. Il primo ciclo può essere ripetuto, dopo una o due settimane di riposo, e la frequenza delle sedute può attestarsi in due la settimana. Solitamente due cicli di sedute sono in grado di guarire il paziente che, nel frattempo, deve essere invitato al riposo funzionale.

Bibliografia

1. Vecchiet L. et al. “Manuale di traumatologia del calcio e pronto soccorso sul campo di gara.” Saronno (VA): Pharma Project Group Edizioni Scientifiche, 1999. pag. 52-54 (mod.).

2. Muccioli M.,: “Le sindromi Bi e il loro trattamento”. Lezioni del IV anno del Gruppo di studio “Società e salute”, 1989 3.

3. Belotti L, Favalli R, Ferrari P, Losio A, Marino A, Nasta P, Perini S. “Agopuntura e tecniche complementari in medicina dello sport”. Milano: CEA-Casa Editrice Ambrosiana, 2001, pag. 186-187, 200-201 (mod.)

4. Favalli R., “Importanza dei livelli energetici Yang nel trattamento delle sindromi Bi o sindromi ostruttivo-dolorose”. Dispensa del corso di perfezionamento in Agopuntura e tecniche correlate presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Brescia: stampato in proprio, 2008, pag. 13-14, (mod.)

 

Lascia una risposta